Mostre ed Eventi

Mostre ed Eventi

18768187_1694145337281991_8952614706438007080_o

“ROMA IN CENTOCENTRIMETRIQUADRI … 2770″
Una Collettiva d’Arte Contemporanea in cui gli artisti si esprimono attraverso la realizzazione di opere di piccolo formato (10×10); nessun limite all’immaginazione e all’utilizzo dei materiali
La mostra, giunta alla sua terza edizione, dedica a Roma il suo ultimo compleanno in cui ha compiuto ben 2770 anni
Le opere saranno esposte fino al 19 giugno presso Spazio40 Galleria d’arte a Trastevere; a luglio si replica presso l’atelier EdilPiemme di piazza San Salvatore in Lauro.

15965355_1191326357630516_7225431254069071858_n

Presentazione del video integrale dell’opera “Cuore” di Alan Bianchi (aka) BeeAnKee , dalla sua creazione fino alla donazione al carcere di Rebibbia.
Presentazione, reading e musica – ingresso libero – 28 gennaio 2016

img_0042

“Sei il mio nemico… e io ti faccio “cuori”…

Perché faccio cuori.

Perché da sempre l’uomo ha parlato di cuori che si donano ma solo verso un amato, un corrisposto.
Destinando ai nemici odio e guerra, proprio nel tentativo a volte reale a volte pretestuoso di fermare odio e guerra.
Ma se a chi ha fame diamo cibo, a chi non sa diamo conoscenza, perché a chi riteniamo un nemico non diamo il cuore?
Le cose si danno a chi ne ha bisogno. Il male ha bisogno di cuore. Non di bombe. Sei il “mio nemico”… e io ti faccio “cuori”…
Come: Costruisco un cuore, un muscolo cardiaco. Lo costruisco con pezzi di riciclo, con un’anima di filo di ferro, rete se serve, poi lo rivesto di stracci, di vestiti usati: pezzi di vita che qualcuno ha dismesso. Gli stracci diventano rossi, perché rosso è il liquido che ci tiene in vita. Pezzi dismessi che tornano a vivere. BeeAnkee
Il Format: Durante la lavorazione del “Cuore” al Macro, Betta Cianchini raccoglierà pensieri “sul cuore” dai visitatori.
Radio Rock seguirà la lavorazione dello stesso cuore, come media partner dell’Evento e della Giornata del 6 Dicembre a Rebibbia.
Credits: Referente Progetto Rebibbia: Mario Pontillo (Associazione “Il Viandante”) / Reaction Roma / Ass.Cult. Marmorata169 / Media Partner: Radio Rock / Regia- video e documentazione evento: Lorenzo Pallini, Progetti Smarriti / e un grazie speciale all’Officina StilCar, culla del Cuore, Via di Casal Bruciato, 50)
UN “MACRO” CUORE A REBIBBIA
Media Partner RADIO ROCK
Un itinerario particolare, quello dell’opera “Cuore” di Alan Bianchi: dal Macro di Testaccio al carcere di Rebibbia.
L’artista terminerà la costruzione della sua opera durante la mostra di Reaction Roma, video installazione social che racconta Roma attraverso gli occhi di chi la vive e la attraversa, dal primo al 3 dicembre al Macro Testaccio Factory.
Il Cuore, vero e proprio muscolo cardiaco, alto circa tre metri verrà realizzato con materiali poveri di risulta.
Durante la lavorazione del “Cuore” al Macro, Betta Cianchini raccoglierà con la telecamera pensieri “sul cuore” degli avventori. E domanderà; “Quand’è che il tuo cuore sta bene? E quando sta male? Riusciresti ad abbracciare qualcuno che senti come tuo nemico?” L’Ingresso è gratuito. (troverete Betta con telecamera e adesivi Radio Rock)
L’opera sarà poi spostata al carcere femminile di Rebibbia: da anni, grazie alla collaborazione di Mario Pontillo (responsabile dello sportello Rebibbia dell’Associazione Il Viandante), Betta Cianchini organizza infatti con Radio Rock delle giornate dedicate alle Donne recluse, soprattutto alle mamme. Qui verranno poi applicate sull’opera frasi e testimonianze delle detenute del carcere capitolino.
La giornata del 6 dicembre 2016 sarà speciale: vedrà sul palco di Rebibbia due temi specifici di Radio Rock, la musica e l’arte contemporanea. Il live musicale della Band: LA MALASTRADA (artisti selezionati dalla stessa emittente) e l’emozionante donazione alle donne recluse dell’opera “Cuore”.
Ed infine si terrà anche un reading dei pensieri delle detenute di tutta Italia e di un giovane ergastolano ostativo che si è nel frattempo laureato e ha iniziato un nuovo percorso di vita. I pensieri verranno letti dall’attrice dello staff di Radio Rock Betta Cianchini, da Emilio Pappagallo (Direttore Radio Rock), dalle giornaliste Stefania Ulivi e Claudia Voltattorni (La 27ORA Corriere della Sera), dalla giornalista Elisabetta Galgani, presidente dell’associazione Marmorata169 e da anni impegnata sui temi sociali e da Franca Garreffa Docente di sociologia della devianza Università della Calabria.

Work in progress …
Castel Gandolfo – Area Terminal Bus
Dicembre 2016 dall’11 al 18

Castel Gandolfo Street Festival è un progetto di Arte e Città a Colori da un’idea di Franco Galvano in collaborazione con l’Associazione Culturale Progetti Smarriti
Il progetto è stato reso possibile grazie al sostegno fattivo del Comune di Castel Gandolfo, agli sponsor e alle numerose associazioni locali che hanno aderito all’iniziativa.
Direzione Artistica a cura di Alan Bianchi
Communications and Public Relations : Simona Albani
Artisti presenti :
Alessandra Carloni
Kristina Milakovic
Tina Loiodice
Morden Gore
Neve
Mauro Sgarbi

Formae Mentis

Formae Mentis
Un’indagine sulle forme e la materia

Inaugurazione sabato 21 febbraio 2015 ore 18:30
Fino al 27 febbraio

Tre artisti insieme per una mostra che relaziona colore, forma, materia e tecniche differenti. Un lavoro nato da un’idea di Simona Albani, creatrice di ProGetti Smarriti, piattaforma di raccolta e condivisione per l’arte di e da tutto il mondo.
ProGetti Smarriti vede la luce agli inizi del 2014 grazie ad un’ assidua opera di ricerca motivata dalla passione di Simona per l’arte, le nuove tendenze e le capacità espressive fresche e innovative. Il sito è un passaggio impegnativo ma che avviene in automatico come conseguenza di un processo in continua espansione.
Ciò che caratterizza ProGetti Smarriti è la grande commistione di arti, tecniche, pensieri e colori che vi si trova all’interno. Una selezione di creativi e artisti uniti dalla capacità di comunicare, in tutto il mondo e con tutti i mezzi a disposizione.
La scelta di una collettiva come prima esperienza espositiva è audace quanto calzante con la filosofia del sito. I tre artisti selezionati lavorano media e tecniche differenti e si trovano a coesistere nello stesso spazio per la prima volta, dando qui vita ad un dialogo continuo fra i vari mezzi espressivi.
Alan Bianchi realizza sculture luminose nei materiali più disparati in cui la luce diventa parte stessa dell’installazione e del processo creativo dell’opera. Fabrizio Giusti studia il colore e la forma attraverso cariche campiture che scompongono geometricamente la tela. Sara Guillaume esplora la materia e sfida la bidimensionalità della tela, trasformandola in un elemento plastico in stretto dialogo con quello pittorico.
Questa mostra è il primo di una serie di appuntamenti che si svilupperanno secondo il principio che ha dato origine al sito di ProGetti Smarriti: creare una comunità di creativi in relazione fra loro e offrire ai fruitori un panorama fra i più vasti e vari a disposizione.

Alan Bianchi nasce nel 1971 e comincia molto presto ad esplorare la pittura ad olio e acrilico senza però tralasciare scultura e assemblage. Negli anni si avvicina all’ambiente del teatro: diviene attore, regista e scenografo, attività che gli permetteranno una continua sperimentazione ed esplorazione dei mezzi e delle tecniche artistiche che formerà profondamente la sua identità espressiva. Utilizza molteplici materiali tra cui il ferro, il legno, la stoffa e elementi di riciclo. Vive e lavora a Roma.
Fabrizio Giusti nasce nel 1967. Dopo l’esordio fin da bambino con il disegno si dedica alla pittura e ne fa il proprio mezzo espressivo principale utilizzando materiali differenti tra cui l’olio, lo smalto, l’acrilico e le vernici industriali. Fra le sue principali esposizioni ricordiamo Palazzo Isimbardi a Milano, Ca dei Carraresi a Treviso, Caelum Gallery e Art 29 space, entrambe a New York. Vive e lavora a Bologna.
Sara Guillaume nasce nel 1979. Fin da giovanissima comincia ad esplorare e sperimentare con le tecniche più disparate dalla pittura ad olio al mosaico passando, senza tralasciare l’encausto e il modellato con argille e resine varie. Approfondisce l’utilizzo dell’acrilico e delle resine, tecniche che tutt’ora predilige. Fra le sue principali esposizioni ricordiamo Accademia aperta presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma. Vive e lavora a Roma.

La mostra sarà visitabile presso Corte, Piazza Dante 3, fino al 27 febbraio 2015 dal lunedì al venerdì 9:30/13 – 14:00/19:30 e la domenica 16:00/20:00.
ProGetti Smarriti
www.progettismarriti.it
info@progettismarriti.it
FB: progetti smarriti
Twitter: @PSmarriti

Ufficio Stampa Martina Cicogna
Martina.cicogna@progettismarriti.com